Home Cucine

Una nuova rivoluzione verde guidata dalle forze di mercato?

Sarebbe inarrestabile.

Qualsiasi seria trasformazione energetica dovrà sfruttare il motore economico potente e creativo dell’America.

La cosa migliore da venire dal dibattito al Senato sul New Deal verde alla fine del mese scorso potrebbe essere stato queste osservazioni eminentemente equilibrate, che invitano i legislatori di entrambe le parti a “muoversi insieme” per “abbassare le emissioni, per affrontare la realtà del cambiamento climatico, riconoscendo che abbiamo un’economia che dobbiamo mantenere forte, che abbiamo persone vulnerabili che dobbiamo proteggere, che abbiamo un ambiente che ci interessa tutti – repubblicani e democratici “.

Chi l’ha detto? Una repubblicana, la senatrice dell’Alaska Lisa Murkowski, che dirige il Comitato Energia e risorse naturali. “La mia speranza è di andare oltre la retorica licenziata a soluzioni pratiche, pragmatiche e bipartisan”, ha detto nell’aula del Senato americano.

Il percorso è lì, se i nostri leader sceglieranno solo di prenderlo. Nel 2011, Reinventing Fire, uno studio sull’energia del Rocky Mountain Institute ha mostrato come una transizione guidata dalle imprese potrebbe triplicare l’efficienza energetica, quintuplicare le rinnovabili e sostenere un’economia americana 2,6 volte più grande nel 2050 di quanto non fosse nel 2010 senza olio carbone o energia nucleare e un terzo in meno di gas naturale. Il costo netto è valutato ini 5 trilioni di dollari in meno rispetto al solito, o ancora più prezioso se si fosse investito un prezzo sulle emissioni di carbonio.

Qualsiasi serio sforzo di trasformazione energetica – se il Green New Deal o “soluzioni pragmatiche e bipartisan” richieste dalla senatrice Murkowski – avrà bisogno di sfruttare il motore economico immensamente potente e creativo dell’America, non smantellarlo. Questo significa scatenare il mercato in settori in cui sappiamo già come ridurre proficuamente le emissioni (elettricità, trasporti, edifici), creando mercati per soluzioni in aree in cui non ci sono ancora risposte sufficienti (industria pesante, agricoltura) e aggiustando i fallimenti del mercato (il prezzo del carbonio, ad esempio, o utilities gratificante per la vendita di più elettricità piuttosto che tagliare la bolletta).

Ecco come:

Elettricità verde

Innanzitutto, dovremmo lasciare che la concorrenza e la flessibilità regolino il nostro sistema elettrico. Dati di mercato abbondanti dimostrano che un futuro alimentato da fonti rinnovabili costerebbe meno del nostro attuale sistema. I fornitori di energia elettrica hanno ricevuto il promemoria, anche se Washington non lo ha fatto. Per salvare i loro clienti, i servizi pubblici in Indiana, Michigan, Minnesota, Colorado e Utah stanno eliminando gradualmente le vecchie centrali a carbone e nucleari e sostituendole con l’energia eolica e solare. I portafogli di energia pulita – tra cui l’immagazzinamento a batteria a prezzi accessibili e altre risorse flessibili – stanno iniziando a sostituire il gas naturale in California e New York.

Le preoccupazioni circa la disponibilità di energia elettrica 24 ore su 24 da una rete altamente rinnovabile, una paura comune, sono per lo più malriposte. Il Dipartimento dell’Energia ha valutato che le energie rinnovabili “oggi disponibili sul mercato”, combinate con una rete elettrica più flessibile, possono fornire in modo affidabile fino all’80 percento della nostra elettricità nel 2050 (e queste tecnologie avanzano ogni anno). Quattro paesi europei con energia idroelettrica modesta o assente ottengono dal 46% al 71% della loro energia elettrica da fonti rinnovabili, con reti più affidabili di quelle negli Stati Uniti.

In America, l’Iowa e il Texas stanno facendo da apripista. Oltre il 35 percento dell’elettricità dell’Iowa è generata dal vento. Ciò ha fornito una seconda fonte di reddito agli agricoltori le cui terre ospitano turbine e dato agli abitanti dell’Iowa tra i più bassi prezzi energetici della nazione. Complessivamente, i $ 476 miliardi stimati necessari per costruire una rete flessibile che integri le energie rinnovabili produrrebbe $ 2 trilioni di benefici in termini di risparmio energetico e affidabilità.

Prezzare la CO2

In secondo luogo, correggere il nostro più grande fallimento del mercato mettendo un prezzo sul carbonio tassandolo e poi rimborsando equamente i ricavi a tutti i cittadini sarebbe “la leva più economica per ridurre le emissioni di carbonio alla scala e alla velocità necessarie”, secondo un recente dichiarazione firmata da oltre 3.500 economisti, tra cui 27 premi Nobel. Combinare la determinazione del prezzo del carbonio con gli adeguamenti fiscali alle frontiere tecnologiche e i rimborsi per i cittadini garantirebbe che non abbiamo esportato le nostre emissioni o ferito gli americani della classe operaia. Segnali di prezzo più chiari potrebbero portare a pratiche più economiche e più pulite se eliminassimo le barriere del mercato che ostacolano l’efficienza e l’energia pulita.

Per i settori con pochi sostituti pronti al mercato e una minore sensibilità ai prezzi dei carburanti, come l’industria e l’agricoltura, abbiamo bisogno di altri approcci. Da qui il nostro terzo punto:

Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie verdi

Abbiamo bisogno di sfruttare l’organizzazione di ricerca e sviluppo di maggior successo al mondo – il governo federale – per risolvere le nostre restanti sfide tecnologiche. La R & S del governo ha contribuito allo sviluppo di Internet, del Global Positioning System, del fracking, di molti farmaci essenziali e, più recentemente, di tecnologie rivoluzionarie per le batterie. Il governo ora ha bisogno di applicare i suoi muscoli nella fase iniziale, di concerto con l’impresa privata, per ridurre le emissioni di gas serra in questi settori più difficili da entrare.

I fallimenti dovrebbero superare i successi, come in ogni buon portafoglio di investimenti nella fase iniziale. Ma solo una manciata di grandi vittorie può fornire valore potenzialmente incalcolabile alla nostra economia e al nostro pianeta. Il che ci porta al nostro ultimo punto.

Dovremmo basare le decisioni di investimento sul valore netto, non sul solo costo.

I critici del New Deal verde spesso guardano solo un lato del libro mastro contabile. Un editorialista del Wall Street Journal, ad esempio, ha recentemente indicato il costo stimato di 400 miliardi di dollari per l’ammodernamento di edifici americani senza menzionare il valore netto di 1,4 trilioni di dollari (costi di retrofit meno i costi energetici risparmiati) di farlo.

Gran parte di questo valore può maturare per gli americani che lavorano che ne hanno più bisogno. A livello nazionale, il carico energetico medio per le famiglie a basso reddito è tre volte maggiore rispetto al resto del paese. Le famiglie a basso reddito tendono a fare più affidamento sui costosi combustibili per riscaldamento e dispongono di forni, elettrodomestici e case più vecchi e meno efficienti. È più probabile che si ammalino vivendo vicino alla produzione di combustibili fossili. Di conseguenza, possono beneficiare maggiormente delle energie rinnovabili a basso costo, eliminando gradualmente i combustibili fossili e migliorando gli edifici.

E per la competitività industriale a livello economico, non possiamo permetterci di non accelerare questi cambiamenti. Nel 2018 la Cina ha aggiunto quattro volte più capacità solare degli Stati Uniti, rafforzando la competitività industriale della Cina per i decenni a venire. E mentre le case automobilistiche americane soffrono dei danni collaterali della guerra commerciale di questa amministrazione, la Cina si aspetta quest’anno di raddoppiare la sua vendita di auto elettriche, a due milioni e mezzo del totale mondiale, secondo alcune stime del settore.

L’efficienza energetica e le energie rinnovabili godono di un enorme sostegno pubblico perché offrono così tanti vantaggi: per la competitività e l’occupazione, la sicurezza nazionale e la scelta della comunità, la salute e l’ambiente, l’equità e l’innovazione. Se ti piacciono questi risultati, puoi sostenere un Green New Deal orientato al mercato senza bisogno di gradire ogni risultato o concordare quale sia il risultato più importante.

A questo punto, la transizione energetica americana è stata guidata da imprenditori ribelli e dal settore privato, non da politici. Ora finalmente abbiamo uno sforzo legislativo emergente con l’ambizione che combacia con la crisi esistenziale e l’opportunità unica, di fronte a noi. Fare leva sul potere del mercato attraverso una politica intelligente e trans-ideologica ci renderebbe inarrestabili.