Home Cucine

Vengono chiamati Contributi determinati a livello nazionale (NDC) e sono i piani di ogni singolo stato per contribuire alla riduzione dell’inquinamento e del cambiamento climatico.

L’accordo di Parigi e gli NDC

Il 2015 è stato un anno storico in cui 196 parti si sono riunite nell’ambito dell’Accordo di Parigi per trasformare le loro traiettorie di sviluppo in modo da orientare il mondo verso uno sviluppo sostenibile, con l’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5-2 gradi sopra i livelli pre-industriali. Attraverso l’accordo di Parigi, le parti hanno anche concordato un obiettivo a lungo termine per l’adattamento – aumentare la capacità di adattarsi agli impatti negativi dei cambiamenti climatici e favorire la resilienza climatica e lo sviluppo di basse emissioni di gas serra, in modo da non minacciare la produzione alimentare. Inoltre, hanno concordato di lavorare per rendere i flussi finanziari coerenti con un percorso verso basse emissioni di gas serra e sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici.

I contributi determinati a livello nazionale (NDC) sono il fulcro dell’accordo di Parigi e il raggiungimento di questi obiettivi a lungo termine. Gli NDC rappresentano gli sforzi di ciascun paese per ridurre le emissioni nazionali e adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici. L’accordo di Parigi (articolo 4, paragrafo 2) impone a ciascuna parte di preparare, comunicare e mantenere i successivi contributi determinati a livello nazionale (NDC) che intende raggiungere. Le parti devono perseguire misure di attenuazione nazionali, al fine di raggiungere gli obiettivi di tali contributi.

Cosa significa questo?L’accordo di Parigi richiede a ciascun paese di delineare e comunicare le loro azioni climatiche post-2020, note come NDC.Insieme, queste azioni climatiche determinano se il mondo potrà raggiungere gli obiettivi a lungo termine dell’accordo di Parigi e raggiungere il picco globale delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) il prima possibile e di procedere a riduzioni rapide in seguito secondo la migliore scienza disponibile, così come raggiungere un equilibrio tra le emissioni di origine antropica da parte delle fonti e gli assorbimenti dei pozzi di gas serra nella seconda metà di questo secolo. Resta inteso che il picco delle emissioni richiederà più tempo ai paesi in via di sviluppo, e che le riduzioni delle emissioni sono intraprese sulla base dell’equità, e nel contesto dello sviluppo sostenibile e degli sforzi per sradicare la povertà, che sono priorità critiche di sviluppo per molti paesi in via di sviluppo. Ogni piano climatico rispecchia l’ambizione del Paese di ridurre le emissioni, tenendo conto delle circostanze e delle capacità interne. Gli orientamenti sui NDC sono attualmente in fase di negoziazione nell’ambito del gruppo di lavoro ad hoc sull’accordo di Parigi (APA), punto 3 dell’ordine del giorno.