Home Cucine

Il mercato dell’elettricità deve avere ambizioni migliori sul clima

Mentre i negoziati sul nuovo mercato dell’elettricità dell’UE entrano nella loro cruciale fase di trilogo, l’Unione Europea affronta una cartina di tornasole per la propria credibilità nella politica climatica. Con solo due triloghi mancanti, il destino dei sussidi per il carbone non è ancora sigillato mentre si avvicina la COP24.

La riforma del disegno del mercato dell’elettricità, e le nuove regole per i meccanismi di capacità in particolare, stanno entrando nel tratto finale con le due rimanenti riunioni negoziali che riuniscono rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio dei ministri e della Commissione europea. Ci si aspetta che decidano se porre fine alle sovvenzioni alle centrali a carbone attraverso i cosiddetti meccanismi di capacità, o continuare a bruciare i soldi dei contribuenti su questa tecnologia obsoleta e dannosa per un altro decennio.

Allineare i meccanismi di capacità con gli obiettivi climatici

Al fine di limitare i finanziamenti per le centrali elettriche più inquinanti, il Parlamento europeo ha appoggiato la proposta della Commissione europea di escludere gli impianti che emettono più di 550 grammi di CO2 per kWh dal sostegno del meccanismo di capacità a partire dal 2025. Ma alcuni governi, incluso quello polacco, stanno facendo pressioni contro questa limitazione tanto necessaria sull’uso dei meccanismi di capacità. L’attuale posizione del Consiglio propone di ritardare l’applicazione di questa “regola del 550” fino al 2035.

I meccanismi di capacità, che si presumono destinati a garantire l’approvvigionamento in caso di necessità di energia supplementare, sono stati diffusi in tutta l’Unione europea e sono diventati la principale fonte unica di sovvenzioni alle centrali elettriche, aggiungendo quasi € 58 miliardi alle bollette energetiche dei cittadini dell’Unione Europea. Le centrali elettriche a carbone ricevono la stragrande maggioranza di questi massicci sussidi pubblici, nonostante la loro non redditività e il loro impatto nocivo sul clima, l’ambiente e la salute.

Evitare spese inefficienti nei fondi dell’Unione Europea

In Bulgaria, i consumatori hanno speso 96 milioni di euro dal 2013 per i meccanismi di capacità. Tuttavia, durante l’inverno del 2017, le centrali elettriche a carbone che venivano sovvenzionate per fornire elettricità in caso di emergenza non riuscirono perché l’acqua necessaria per raffreddare gli impianti era congelata. Questo è stato pericolosamente vicino a causare blackout non solo in Bulgaria, ma in tutta l’Europa sud-orientale.

In Polonia, il supporto del meccanismo di capacità è progettato per mantenere lo status quo nel sistema energetico nazionale basato sul carbone. Si stima che fino al 2030 costerebbe ai contribuenti polacchi l’incredibile cifra di fino a 14 miliardi di euro. La stragrande maggioranza di questa somma sarà utilizzata per estensioni della vita delle centrali a carbone esistenti ma anche per il nuovo carbone.

L’esempio più sbalorditivo in Polonia è il piano per concedere un contratto di 15 anni per sovvenzionare la costruzione di un nuovo impianto da un gigawatt alimentato a carbon fossile chiamato Ostroleka C. Ciò avviene nonostante la dimostrata non redditività dell’investimento che si prevede possa causare 1,7 miliardi di euro perdite, nonostante la protesta dei gruppi ambientalisti e nonostante l’azione legale avviata contro il progetto dai lavoratori di una delle utility che costruiscono la centrale elettrica, che sono preoccupati per gli impatti negativi sulla loro azienda e posti di lavoro.

L’UE può recuperare la sua leadership sul clima

Evitare gli impatti più pericolosi dei cambiamenti climatici è ancora possibile, ma solo attraverso uno spostamento senza precedenti verso un’economia a zero emissioni. Questo inizia con l’eliminazione progressiva delle centrali a carbone. Tuttavia, finché i meccanismi di capacità continueranno a sovvenzionare le centrali a carbone, rimane difficile immaginare una vera trasformazione energetica. Ecco perché è ora che nei negoziati in corso sul nuovo mercato europeo dell’elettricità l’UE deve correggere le sue regole difettose e assicurarsi che ai maggiori inquinatori non sia concesso di ricevere denaro pubblico.

Un passo così positivo contribuirebbe ad elevare la leadership climatica dell’UE durante l’imminente COP a Katowice. Se il blocco non dovesse raggiungere un accordo sull’ovvio – porre fine alle sovvenzioni al carbone – comprometterebbe seriamente la sua credibilità climatica sulla scena internazionale.